settings.tab.title.demo

#demo.question.question1#


#demo.question.question1.answer1#




#demo.question.question2#


#demo.question.question2.answer1#

  1. #demo.question.question2.answer2#
  2. #demo.question.question2.answer3#
  3. #demo.question.question2.answer4#
  4. #demo.question.question2.answer5#




#demo.question.question3#


#demo.question.question3.answer0#

  1. #demo.question.question3.answer1#
  2. #demo.question.question3.answer2#
  3. #demo.question.question3.answer3#
  4. #demo.question.question3.answer4#
  5. #demo.question.question3.answer5#




#demo.question.question4#


#demo.question.question4.answer1#





Il fine giustifica i mezzi?



Il fine non giustifica mai i mezzi! In quanto mezzi per raggiungere qualsiasi obbiettivo sono parte fondamentale del nostro fine. Partendo dall’idea che questo mondo fenomenico non è nient’altro che un campo di prova, sarebbe totalmente inutile cercare di “barare” per raggiungere il nostro obbiettivo, perché il nostro fine è esattamente il risultato, il frutto dei mezzi.

Il viaggio è davvero importante, la meta sarà solo il giusto premio di questo viaggio. Tutti i Grandi Saggi, i martiri che hanno “sofferto” sacrificando tutto, persino il loro ego, alla fine sono giunti tutti alla beatitudine finale. Chi invece ha osservato i mezzi, scegliendo quelli che il suo ego riteneva più opportuni e comodi, hanno (come fine) trovato solo il loro ego e la conseguente rinascita.

Quindi se lo scopo è un fine nobile, dobbiamo sempre offrire al Signore le nostre azioni e Lui troverà sicuramente i mezzi adatti per raggiungere il fine. Ma saranno sempre “i mezzi giusti” non quelli più comodi e facili che preferirebbe la nostra mente.

6 visualizzazioni

Vuoi scriverci per approfondire qualcosa  o inviare qualche testimonianza o correzione sui testi?

Siamo disponibili a qualsiasi richiesta. Questo sito è di proprietà di ogni sincero ricercatore che desidera condividere la sua conoscenza al servizio del prossimo.