Vuoi scriverci per approfondire qualcosa  o inviare qualche testimonianza o correzione sui testi?

Siamo disponibili a qualsiasi richiesta. Questo sito è di proprietà di ogni sincero ricercatore che desidera condividere la sua conoscenza al servizio del prossimo.

Le resurrezioni

Nell'Antico Testamento sono riportati due casi di resurrezione operati da Sia ed Eliseo. Il Nuovo Testamento descrive tre casi di resurrezione compiuti da Gesù. Egli stesso conferì questo potere ai suoi discepoli. e disse loro: 'Sanate gli infermi, risuscitate I. morti, mondate i lebbrosi, cacciate i demoni, gratuitamente avete ricevuto. gratuitamente date'. (Matteo 7 0,81 Come detto in precedenza, Sai Baba ha resuscitato diverse persone, ne citiamo una per tutte: "Il miracolo ebbe luogo nel 1953. Radhakrishna era seriamente malato con ulcere gastriche ed altre complicazioni, quando egli visitò Puttaparthi [dalla sua casa nel paese di Kuppam] nella speranza che Baba lo guarisse. Era accompagnato da sua moglie Radhamma e da sua figlia Vijaya. Arrivato all'ashram fu messo a letto. Baba che allora aveva solo 27 anni, lo visitò ma non fece nessun tentativo di curarlo. Radhakrishna si

lamentava che egli avrebbe preferito morire piuttosto che continuare a soffrire l'estremo dolore che provava. Baba sorrise ma non fece nessun commento. Alcuni giorni dopo Radhakrishna andò in coma e sua moglie e sua figlia, che erano al capezzale del letto, sentirono il "rantolo finale" nella sua gola. Swami venne e l'esaminò, ma non fece ancora niente. Un'ora dopo, la respirazione di Radhakrishna si fermò. Diventò blu, poi divenne freddo e rigido. Un infermiere diagnosticò la morte. Baba l'esaminò ancora. "Non preoccupatevi," disse. "Tutto andrà bene". Ma ancora non fece nessun tentativo di rianimarlo. La fede della moglie e della figlia fu messa a dura prova. Il giorno seguente si sedettero fedelmente al capezzale del letto aspettando ansiosamente qualsiasi segno di ritorno alla vita. Ma niente indicava un tale cambiamento. In qualche modo le due donne riuscirono ad aggrapparsi ad un vestigio di fede che nella Sua maniera e al

Suo momento Swami avrebbe rianimato Radhakrishna. La mattina del terzo giorno, il corpo diventò scuro, quasi rigido e cominciò ad avere un cattivo odore. Si suggerì a Radhamma che il "cadavere" dovesse essere spostato fuori dall'ashram, ma lei rifiutò energicamente di agire senza l'autorizzazione di Baba. I suoi aiutanti chiesero istruzioni se il corpo dovesse essere inviato a Kuppam o cremato in Puttaparthi.

Baba rispose enigmaticamente, "Vedremo." Le due donne erano disperate. Andarono da Baba e lo pregarono. Lui disse semplicemente, "Non abbiate paura. lo sono qui." Promise, tuttavia, di render loro visita e di esaminare Radhakrishna più tardi. Passò un'ora, poi due e non c'era segno di Baba. Allora Radhamma e Vijaya persero di nuovo speranza. Poi, improvvisamente, apparve Swami davanti alla porta della loro stanza, tranquillo e sorridente. Le due donne scoppiarono in lacrime come Maria e Marta, le sorelle di Lazzaro, piangendo davanti al loro Signore che, pensavano, era venuto troppo tardi. Gentilmente, Egli chiese loro che lasciassero la stanza ed uscendo Egli chiuse la porta dietro di loro. Esse non sanno - e nessuno l'ha saputo fino ad ora quello che successe nei minuti seguenti in quella stanza dove solo Swami ed il morto erano presenti. Ma, dopo alcuni minuti soltanto, Baba aprì la porta ed invitò le donne a rientrare, per vedere il loro amato seduto sul letto e sorridente! La rigidità della morte era sparita ed il suo colore naturale stava ritornando. Baba gli disse, "Parla con loro, erano preoccupate."Radhakrishna, con un sguardo di stupore disse,

"Perché erano preoccupate? lo sto bene!" Non era consapevole di aver trascorso tre giorni in corna mortale. Allora Swami disse a Radhamma, "Ti ho restituito tuo marito. Ora dagli una bibita calda". Quindi benedisse la famiglia ed andò via. L'indomani il paziente era abbastanza forte per camminare. Il terzo giorno egli scrisse una lettera di sette pagine ad un parente in Italia. Pochi giorni dopo tutta la famiglia ritornò alla loro casa a Kuppam. Non solo Radhakrishna fu riportato in vita, ma le ulcere gastriche e le altre complicazioni erano guarite completamente.

MATERIALIZZAZIONI

Non si contano i devoti di Sai Baba che hanno ricevuto qualcosa da Lui stesso materializzato, (anche l'ideatore di questo sito ha ricevuto della vibuthi fatta da Lui). A molti sono state materializzate collane, gioielli di un valore inestimabile, anelli col volto del Cristo o con rubini, smeraldi ecc. Davanti a molti presenti soffiando su un anello lo trasforma in una collana o viceversa.

Dalle sabbie del fiume Citravati in secca, usciva statue di Shirdi Sai, di Krisna, anche dolci fumanti ancora caldi e tantissimi altri oggetti.

I libri che testimoniano questi eventi sovranaturali, non sono solo scritti da devoti ma anche da fisici, chimici, scienziati e addirittura un sacerdote Cattolico, che si sono arresi all'evidenza dei fatti, dopo aver studiato con attenzione, scrupolosità e addirittura iniziale scetticismo il caso Sai Baba. Una volta per un suo amico, Dr. Hislop, materializzò una piccola croce dicendo che era fatta con un pezzetto di legno proveniente dalla Croce su cui Cristo fu crocefisso. Il legno analizzato risultò essere di 2000 anni fa fit. servizio di Rai dei del 1988 Tg2 di Fausta Leoni)

Poco prima del Natale 1984, Sai Baba creò una foto raffigurante il vero volto di Gesù. Dopo che l'ebbe donata ad un Argentino, Sai ne donò un'altra più grande ad un Venezuelano durante le celebrazioni del Natale 1987. Ne realizzò anche altre sei copie, che poi benedisse e diede a vari paesi del mondo: la Spagna, la Danimarca, l'Inghilterra, la Nuova Zelanda, il Messico e l'Argentina.Ne donò anche copie di piccolo formato all'Italia perché fossero distribuite ai devoti. Baba disse che erano le vere sembianze di Gesù all'età di 29 anni.

Dall'originale sono stati tratti molti duplicati. [Da: Peter Phipps, Sathya Sai Baba e Gesù, Edizioni Milesi, Modena, 1999, pag. 1 12).

Ogni anno per il Maha Shivaratri [Grande notte di Shiva), Sai Baba materializza uno più Lingam o Linga (in certi casi è arrivato fino a nove] facendoLi fuoriuscire dalla bocca. Il Lingam è un oggetto di forma ovale, nella maggior parte dei casi d'oro ma può essere anche di un altro materiale.

Questo rito, che si prolunga per diverse ore di sofferenza fisica [visto che provengono dallo stomaco), rappresenta l'atto della Creazione dell'Universo. Dopo averLi creati, il più delle volte li regala ai devoti.

Un altro prodiglio particolare, del quale si riscontrano svariati casi documentati con foto e video, (e chi vi parla ha visto con i propri occhi) è la comparsa di vibhuti in quadri o foto di Baba.

Non è solo la vibhuti ad apparire; da statue raffiguranti i Suoi piedi o anche da pietre, sgorga incessantemente L'Amhrita (nettare degli Dei). Un liquido dolcissimo dal colore dorato e con un sapore che ricorda il miele, con fragranze di rose, (scrivo ricorda, perchè il vero sapore si può solo provare ma non descrivere). Ci sono stati casi di persone, che nel sogno hanno visto

Sai Baba materiazargli della Vibuthi per poi, con grande stupore e commozione, trovarsela al loro risveglio sul comodino, o magari addosso, guarendo in questo modo tante persone. Chiaramente non tutti credono a quanto scritto sopra, molti pensano che Sai Baba sia un imbroglione e nel tentativo di smascherare i suoi"trucchi" si agrappano a teorie ancor più assurde del fatto in sé stesso. Per esempio sul web qualcuno avanzerebbe l'ipotesi che Lui produce la vibuthi sfregando tra le dita delle pillole di vario genere. Questa cosa si smentisce da sé, perchè Baba produce circa mezzo chilo di vibhuti al giorno in quei pochi minuti in cui effettua il Darshan. Per chiarire ogni dubbio, basta vedere il seguente video dal quale si evidenzia in modo palese che non vi è alcun trucco. Noterete che il vaso all'inizio del video, fluttua in area da solo e che la vibhuti cessa di scorrere non appena Baba toglie il braccio dall'apposita anfora. Tra l'altro è impossibile che quel piccolo vaso possa contenere tutta quellavibhuti(Specialmente quella che esce tra il minuto 1 :29 e 1 :39).

 

CONSIDERAZIONI PERONALI

 È giusto che ognuno si faccia una propria opinione sulla natura di Sai Baba ma speriamo di darvi un piccolo spunto di riflessione prendendo in prestito alcune frasi di Nostro Signore Gesù Cristo: « L'albero si riconosce dai suoi frutti» e credo che conoscendo le Opere di Sai Baba (oltre ai Suoi insegnamenti ), potrete farvi un idea di chi possa essere questo grande Personaggio. «... Il Figlio di Dio non sarà accettato dalla Sua gente ma Io consegnerà ai pagani che Lo scherniranno, Lo feriranno e infine Lo uccideranno...». Gesù disse: « Padre perdona loro perchè non sanno quello che fanno ». E anche oggi, a distanza di 2000 anni, non tutti quelli che criticano o danno giudizi gratuiti su Sai Baba "Sanno quello che fanno e quello che dicono". Sai Ram (Saluto il Dio che c'è in te)