SWAMI PURUSHOTTAMANANDA - RAGGIUNGERE LA GROTTA
 

La grotta del Saggio Vasishta (Vasishtha Guha) è situata a circa 22 km da Rishikesh, sulla strada che porta verso la sacra Badrinath. Oggi raggiungere il posto è molto semplice, in quanto la strada  fino all’ingresso è asfaltata e facilmente accessibile ai mezzi di trasporto. Il percorso da Rishikesh dura circa 30/40 minuti ed il prezzo si aggira intorno a 1.500 rupie (20 euro circa).

Dalla strada principale è subito visibile l'Arco d’ingresso, costruito per commemorare il centesimo compleanno del Guru Swami Purushottamananda Maharaj. Il suo ashram si trova in una tranquilla valle vicino al villaggio di Goolar Dogi, nel distretto di Tehri Garhwal. Lungo le rive dell’ ashram scorre maestosamente il Santo fiume Ganga che emerge dalla confluenza del Bhagirathi e da Alkananada a Devprayag.

Oggi la Guha (grotta) è visibile scendendo dalla strada a valle, ma fino a poco tempo fa era tutto ricoperto da una fitta foresta e da una prateria, dove animali selvaggi come tigri e orsi vagavano liberamente.

Swami Purushottamananda scelse la Vasishtha Guha come sua dimora finale per le austerità e la meditazione. Il suo Samadhi infatti si trova qui.

Se c'è un paradiso in terra, è certamente la Vasishta Guha. 

Si dice che la grotta sia stata la dimora del Saggio Vasistha (uno dei sette Maharishi e Guru dell’Avatar Rama) e che qui Egli abbia praticato molti tapas per raggiungere la Realizzazione Finale. Alcuni narrano che anche Gesù il Nazareno vi si fosse fermato per delle austerità durante il suo tragitto verso il Kashmir.

Nell'Himalaya, i nomi di molte delle grotte come questa sono collegate con alcuni famosi Saggi o altri antichi Rishi come Vyasa Guha, Uddalaka Guha,...

Chissà quanti Santi, Saggi e Siddha hanno vissuto in questa grotta e aggiunto alla sua gloria santità e vibrazioni spirituali! 

All’interno, verso l’estremità della grotta, vi è un grande Lingham e dietro ad Esso si vede un'apertura leggermente inclinata nella caverna. Anche se ormai è stata chiusa, sembrerebbe che la grotta si estendesse all'interno per altri 20 km circa fino ad un posto chiamato Ghanta Karna Mandir sull'Himalaya. Alcuni anni fa questo passaggio fu chiuso.

Si ritiene, infine, che un certo numero di adepti himalayani (SIDDHAS) abbiano fatto austerità nel loro corpo sottile (non visibile ad occhio nudo da persone comuni) all'interno della grotta per migliaia di anni.